BIOGRAFIA

mantovaniMassimo Mantovani si è diplomato in violino al Conservatorio “Dall’ Abaco” di Verona. Contemporaneamente ha coltivato lo studio del pianoforte, dell’arrangiamento e della composizione.
Svolgendo da anni attività nel campo del Jazz, del Blues e della musica classica, ha collaborato sia come pianista che come violinista con artisti di livello nazionale e internazionale tra i quali Jimmy Villotti, Donovan Mixon, Javier Girotto, Pedro Mena Peraza, Hengel Gualdi, Tom Kirkpatrick, Marco Tamburini, Nair. Ha contribuito alla realizzazione di diversi CD tra i quali: “Numero Zero” e “Germinazione spontanea” come direttore e arrangiatore della Big Band “A.M.F.”, “Lettere dal fronte interno” (su testi di Stefano Tassinari) con Mauro Pagani e Roberto Manuzzi, “The Bluesmen” con la formazione omonima, “Sunrise” con Nair , “Grupo Candombe” e “Grupo Candombe 2” con Silvio Zalambani e Grupo Candombe.
Proprio col Grupo Candombe ha partecipato al “Festival del Caribe” tenutosi a Santiago di Cuba nel Luglio 2003 (unico gruppo europeo invitato) e al Vertice Mondiale del Tango 2004 tenutosi a Siviglia.
Col gruppo “The Bluesmen” ha partecipato ai più autorevoli festival blues italiani e ha collaborato col cantante e autore americano Dirk Hamilton, incidendo nel 2005 il doppio CD/DVD dal vivo “Sometimes ya’ leave the blues out on the road”.

 

PERCORSO DIDATTICO

CORSO DI PIANOFORTE MODERNO – APPROFONDIMENTO:
JAZZ E STILI DERIVATI

Il corso è pensato per tutti coloro che siano interessati specificamente alla musica Jazz e agli stili derivati e che quindi ne abbiano una discreta conoscenza sul piano dell’ascolto.
Verranno affrontati i mezzi teorici e le tecniche strumentali caratteristiche di questi stili, con attenzione agli aspetti storici e a eventuali soluzioni tipiche di interpreti o di correnti stilistiche considerate particolarmente importanti.
Il metodo prevede quindi lo studio dell’armonia (accordi, successioni armoniche e sostituzioni caratteristiche del linguaggio jazzistico), delle formule di esecuzione e di arrangiamento pianistico nei vari contesti (gruppo, trio, piano solo, etc.) e dell’improvvisazione.
Trattandosi di un corso di approfondimento, sono richieste la conoscenza della teoria musicale e una buona base di preparazione tecnica sullo strumento, comprese la lettura in chiave di violino e in chiave di basso e la conoscenza degli elementi di base dell’armonia tonale (tonalità maggiori e minori, intervalli, triadi maggiori e minori).